Nelle case, o meglio in tutti gli immobili, una buona illuminazione è di fondamentale importanza. La luce, che sia naturale o artificiale, aiuta a valorizzare oggetti e spazi, piuttosto che a creare l’atmosfera giusta per ogni stanza.

Quando si scelgono le luci  in casa occorre tenere in considerazione alcuni fattori che ci guideranno all’acquisto di luci artificiali:

– dimensioni e forma dei locali da illuminare,

– utilizzo della stanza (per esempio uno studio o una cucina avranno bisogno di un’illuminazione particolare);

– tempo che si utilizza la luce;

– disposizione dell’arredamento

– colori dei muri.

Se stai pensando a ristrutturare la tua casa avrai sicuramente pensato al rifacimento pavimenti, mobili nuovi, riorganizzazione degli spazi, ecc. ma scommettiamo che non hai pensato a come illuminare casa…

Non basta cambiare lampadari e lampadine, anche perché il modo in cui illuminare casa è essenziale per la qualità della vita domestica, per godersi gli spazi e per l’umore. Una luce della giusta intensità, posizionata correttamente e di un colore adatto può trasformare l’atmosfera che ti circonda. Una casa male o poco illuminata, oltre a non essere valorizzata, è anche un ambiente meno piacevole e poco accogliente.

La luce ormai è diventato un modo (anche economico) per arredare la propria casa. La luce è in grado da sola di sottolineare i pregi di un ambiente senza troppi sforzi.

Vediamo ora come illuminare le stanze della nostra abitazione:

SOGGIORNO

E’ la parte più grande da illuminare ed è anche difficile dato che è uno spazio in cui si svolgono molteplici attività. Serve quindi un’illuminazione specifica per ogni zona, scegliendo tra la luce diretta, ma anche quella diffusa o indiretta. Saranno utilissimi i moderni riflettori orientabili da montare su un binario a soffitto o incassati.

Per lo spazio tv serve una luce “morbida”, non troppo intensa (altrimenti si affatica troppo la vista), ottimi sono i faretti e le lampade da terra andranno benissimo dei faretti incassati abbinati a lampade da terra. Con la luce potete anche valorizzare anche quadri e altri oggetti esposti in soggiorno, basta scegliere delle lampade da collocare a parete sopra i quadri appesi, dei faretti da posizionare sopra una mensola.

soggiorno

CUCINA

In cucina la luce serve appunto a cucinare, quindi deve essere intensa, dato che questa stanza è proprio un luogo di lavoro. Bisogna bene illuminare fornelli, piano da lavoro e tavolo da pranzo. Oltre all’illuminazione generale ottimi sono i faretti per far luce sul piano da lavoro, dove potrete leggere ricette, tagliare, cuocere e pulire senza affaticare la vista.

cucina

CAMERE

In camera da letto oltre a una luce generale c’è bisogno anche di piccole fonti luminose che illuminino specchi, armadi, ecc. Ma serviranno anche lampade da comodino, piuttosto che lampade da terra. L’importante è che queste piccole luci siano soffuse, appunto perché hanno la funzione di schiarire solo una piccola zona, non l’intera stanza. Per illuminare gli interni dell’armadio o della cabina armadio, invece, possiamo utilizzare faretti alogeni o tubi fluorescenti, che proiettano la luce senza causare danni ai tessuti o alterare i colori dei capi. Sopra gli specchi invece si possono utilizzare faretti orientabili, ottimi per provare al meglio i propri outfit.

camera

Voi cari lettori come avete deciso di illuminare la vostra casa?

Al prossimo articolo! :)

ILLUMINAZIONE CASA: COME FAR LUCE IN TUTTA CASA!